Menu secondario

.,

decreto Presidente Repubblica n.201/1999 - Ricompense personale CFS

/
Corpo Forestale dello Stato

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 maggio 1999, n. 201

Regolamento recante disciplina in materia di ricompense al personale del Corpo forestale dello Stato.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'articolo 87, quinto comma, della Costituzione;

Visto l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto il decreto legislativo 4 giugno 1997, n. 143;

Visto l'articolo 3 del decreto-legge 7 gennaio 1992, n. 5,

convertito, con modificazioni, dalla legge 6 marzo 1992, n. 216;

Visto il decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195;

Visto l'articolo 22 del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 201;

Visto l'articolo 26, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1995, n. 395;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 ottobre 1985, n. 782;

Ravvisata la necessita', in attesa dei provvedimenti di riforma di cui all'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59, di emanare un regolamento che disciplini la concessione delle ricompense agli appartenenti al Corpo forestale dello Stato;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 9 novembre 1998;

Sentite le organizzazioni sindacali rappresentative sul piano nazionale del Corpo forestale dello Stato, convenute nella riunione del 26 aprile 1999;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 14 maggio 1999;

Sulla proposta del Ministro per le politiche agricole, di concerto con il Ministro per la funzione pubblica;

E m a n a il seguente regolamento:

Art. 1.

Ricompense e riconoscimenti

1. A tutti gli appartenenti al Corpo forestale dello Stato possono essere concesse le seguenti ricompense:

a) onorificenze;

b) ricompense al valor militare;

c) ricompense al valor civile;

d) ricompense al merito civile;

e) encomio solenne;

f) ricompense per lodevole comportamento;

g) riconoscimento per anzianita' di servizio;

h) riconoscimenti al merito di servizio;

i) premi in denaro;

l) promozioni per merito straordinario, ai sensi degli articoli 22 e 23 del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 201.

Art. 2.

Ricompense al valor militare, al valor civile al merito civile ed onorificenze

1. Le ricompense al valor militare, al valor civile ed al merito civile sono proposte ed attribuite al personale del Corpo forestale dello Stato secondo la normativa vigente in materia.

2. Allo stesso personale possono essere attribuite ricompense ed onorificenze anche da parte di Stati esteri e Organismi nazionali ed internazionali, secondo la normativa vigente in materia.

Art. 3.

Encomio solenne

1. L'encomio solenne e' conferito dal Ministro per le politiche agricole al dipendente che, in operazione di particolare importanza o rischio, abbia dimostrato di possedere, in relazione alla qualifica ricoperta, spiccate qualita' professionali e non comune determinazione operativa.

Art. 4.

Ricompense per lodevole comportamento

1. Le ricompense per lodevole comportamento sono l'encomio e la lode.

2. L'encomio e' conferito dal direttore generale del Corpo forestale dello Stato al dipendente che, impegnandosi notevolmente in importante servizio istituzionale, abbia messo in luce spiccate qualita' professionali, conseguendo rilevanti risultati nei compiti di istituto.

3. La lode e' conferita dal direttore generale del Corpo forestale dello Stato come riconoscimento di applicazione ed impegno professionali che vanno oltre il doveroso espletamento dei compiti istituzionali al dipendente che per il suo attaccamento al servizio, spirito di iniziativa e capacita' professionali consegua apprezzabili risultati nei compiti di istituto.

Art. 5.

Distintivi d'onore e di specialita'

1. Al personale del Corpo forestale dello Stato possono essere attribuiti distintivi d'onore per meriti di servizio e distintivi di specialita'.

2. Con decreto del Ministro per le politiche agricole si provvede all'individuazione dei suddetti distintivi ed a fissare i criteri per l'attribuzione degli stessi.

Art. 6.

Criteri per la concessione dei riconoscimenti

1. Con decreto del Ministro per le politiche agricole sono stabiliti i criteri per la concessione dei riconoscimenti per anzianita' di servizio, nonche' le caratteristiche dei segni distintivi di tali riconoscimenti.

2. Con lo stesso decreto sono stabiliti i criteri per l'attribuzione di riconoscimenti al personale del Corpo forestale dello Stato all'atto del collocamento a riposo.

Art. 7.

Premi in denaro

1. Per segnalato servizio di polizia, con le medesime modalita' previste dall'articolo 9, comma 1, del presente regolamento, puo' essere concesso un premio in denaro ai dipendenti del Corpo forestale dello Stato.

2. Per segnalati servizi di polizia si intendono quei servizi di particolare rilievo che, comunque, non rientrano tra quelli che danno luogo all'attribuzione delle ricompense previste dai precedenti articoli.

3. Il premio in denaro e' cumulabile con le altre ricompense di cui all'articolo 1.

Art. 8.

Promozione per merito straordinario

1. Al personale appartenente ai ruoli degli agenti ed assistenti, dei sovrintendenti, nonche' degli ispettori, ad eccezione di quello con qualifica di sovrintendente capo ispettore superiore, puo' essere conferita per merito straordinario la promozione alla qualifica superiore nei casi previsti dall'articolo 22 del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 201, secondo le modalita' stabilite dal presente regolamento.

2. Al personale con la qualifica di sovrintendente capo e di ispettore superiore, che si trovi nelle condizioni previste dall'articolo 22, comma 1, del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 201, sono attribuiti tre scatti stipendiali.

3. Le promozioni di cui al comma 1 decorrono dalla data del verificarsi del fatto e sono conferite anche in soprannumero, riassorbibile con le vacanze ordinarie. Un'ulteriore promozione per merito straordinario non puo' essere conferita se non siano trascorsi tre anni dalla precedente. In tal caso, qualora si verifichino le condizioni previste dall'articolo 22, comma 1, del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 201, al personale interessato possono essere attribuiti tre scatti stipendiali. Le promozioni per merito straordinario possono essere conferite anche a coloro i quali siano deceduti nel corso o in seguito ai fatti che hanno dato luogo alla proposta di promozione con la decorrenza dalla data del verificarsi dei fatti stessi.

Art. 9.

Annotazioni matricolari

1. Il conferimento delle ricompense, delle onorificenze, dei riconoscimenti, dell'encomio solenne, delle promozioni per merito straordinario e dei distintivi d'onore e di specialita' e' annotato sullo stato matricolare, con esclusione del provvedimento con cui e' attribuito il premio in denaro che e' inserito nel fascicolo personale e valutato ai fini della compilazione del rapporto informativo.

2. Al personale del Corpo forestale dello Stato e' rilasciato un attestato del conferimento delle ricompense, delle onorificenze, dei riconoscimenti, dell'encomio solenne, delle promozioni per merito straordinario e dei distintivi d'onore e di specialita' attribuiti ai sensi del presente regolamento.

Art. 10.

Proposte per le ricompense

1. Le proposte per la promozione per merito straordinario, ovvero per il conferimento dell'encomio solenne, dell'encomio, della lode e del premio in denaro sono formulate dal direttore generale del Corpo forestale dello Stato, sulla base delle segnalazioni provenienti:

a) per il personale in servizio presso la sede centrale del Corpo forestale dello Stato, dal dirigente preposto alla struttura che amministra il personale stesso;

b) per il personale in servizio presso le strutture periferiche, dal coordinatore regionale;

c) per il personale in servizio presso il Centro operativo aeromobili del Corpo forestale dello Stato, dal responsabile del Centro;

d) per il personale in servizio presso la scuola del Corpo forestale dello Stato, dal direttore della scuola.

2. Le segnalazioni sono indirizzate al direttore generale del Corpo forestale dello Stato e, sotto forma di proposta, sono sottoposte al preventivo esame della commissione di cui all'articolo 10, e successivamente inoltrate al consiglio di amministrazione del Corpo forestale dello Stato, il quale delibera in merito.

3. La segnalazione e la proposta devono essere entrambe corredate da una relazione contenente la descrizione dell'avvenimento e da tutti i documenti necessari per una esatta valutazione del merito.

4. La proposta deve essere formulata entro sei mesi dalla conclusione dell'operazione o dell'attivita' cui la stessa fa riferimento.

5. La commissione, salvo casi di eccezionale urgenza, esamina le proposte in ordine cronologico e, contemporaneamente, quelle che per connessione attengono allo stesso avvenimento con sviluppi operativi in tempi e luoghi diversi.

Art. 11.

Commissione per le ricompense

1. Al sensi dell'articolo 26, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1995, n. 395, la commissione per le ricompense al personale del Corpo forestale dello Stato e' composta da:

a) il direttore generale del Corpo forestale dello Stato che la presiede;

b) il vice direttore generale del Corpo forestale dello Stato che la presiede in assenza del direttore generale del Corpo;

c) i dirigenti membri del consiglio di amministrazione del Corpo forestale dello Stato;

d) un numero di rappresentanti delle organizzazioni sindacali rappresentative sul piano nazionale tale da assicurare il rispetto dei criteri di pariteticita' nella commissione.

2. Con proprio decreto, il Ministro per le politiche agricole definisce i criteri per la nomina, ogni due anni, dei rappresentanti sindacali di cui al comma 1, lettera d), tenendo conto del grado di rappresentativita' delle stesse, come risultante dalle deleghe complessivamente espresse per la riscossione del contributo sindacale conferite dal personale dell'amministrazione.

3. La commissione per le ricompense al personale del Corpo forestale dello Stato si avvale della collaborazione di una segreteria, al cui funzionamento provvedera' l'amministrazione, composta da un contingente di personale non superiore a tre unita', alla quale viene preposto un appartenente al Corpo con qualifica non inferiore alla settima.

4. Le spese di missione per lo svolgimento dell'attivita' della commissione e della segreteria sono a carico dell'amministrazione centrale del Corpo forestale dello Stato, nei limiti degli ordinari stanziamenti di bilancio.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addi' 27 maggio 1999

CIAMPI

D'Alema, Presidente del Consiglio dei Ministri

De Castro, Ministro per le politiche agricole

Piazza, Ministro per la funzione pubblica

Visto, il Guardasigilli: Diliberto

Registrato alla Corte dei conti il 16 giugno 1999

Atti di Governo, registro n. 116, foglio n. 24

Sviluppato da Maxsos