Menu secondario

.,

Gli 80,00 euro della discordia: così la vediamo noi del SAPAF!

Date: 26-01-2016 / Author: sapaf /
SAPAF

cedolino

cedolino

Un po’ di chiarezza sugli 80,00 euro attribuiti agli appartenenti alle Forze di Polizia e alle Forze Armate dalla legge di stabilità 2016 - art.1, comma 972, legge 208 del 28 dicembre 2015, in Gazzetta Ufficiale del 30-12-2015. Si, è vero, avevamo già scritto ma non tutti hanno buona memoria …

Cos’è e a chi spetta, quanto, quando e come … (viste le inesattezze scritte da qualcuno e qualche polemicuccia che gira sui social in questi giorni).

  • è una specie di premio per il maggior sacrificio sostenuto dagli appartenenti alle Forze dell’ordine in questo periodo di allarme terroristico ed in attesa che il Governo metta mano al “Riordino dei ruoli”;
  • spetta unicamente per il 2016, a tutto il personale tranne che ai dirigenti, non è quindi strutturale e termina nel dicembre 2016, salvo proroga ed ulteriori appostamenti di bilancio nella prossima legge di stabilità;
  • non ha natura retributiva, è netto in busta, non si applicano contributi, non è tassato di IRPEF ed addizionali regionali e comunale, non influisce sulla tredicesima mensilità e sui calcoli per la base pensionabile, ecc. Non si cumula, quindi, con gli altri redditi da lavoro dipendente (in sostanza, i 960,00 euro non saranno cumulati nel punto 1 del CUD 2016); per quest’ultimo motivo, non avrà neppure effetto sui colleghi che già percepiscono gli 80,00 euro del bonus fiscale legato al reddito (art.13, comma 1-bis del testo unico delle imposte sui redditi, dPR 22 dicembre 1986, n.917), i quali colleghi continueranno a percepirli qualora spettanti in base al reddito (inferiore a 24.000,00 euro/anno importo intero, da 24.000,01 a 26.000,00 a scalare fino a 0,00 euro);
  • sarà corrisposto in quote nette mensili di 80,00 euro, per un totale di 960,00 per l’intero anno 2016 (spetta per i mesi di effettivo servizio, quindi ai nuovi assunti saranno corrisposti dal mese di assunzione e ai pensionati per i mesi del 2016 in cui saranno in servizio; non spetta per i mesi in cui si percepisce un assegno che sostituisce la retribuzione tipo: l’assegno alimentare per i sospesi dal servizio, periodi di astensione dal servizio senza retribuzione, ecc.

NoiPa ha già emesso un cedolino speciale per l’attribuzione degli 80,00 euro spettanti a gennaio (con la voce cedolino 806/054 ARR. CONTR. STRAORD. L.28/12/2015, n.208-AC), essendo intervenuta la norma dopo l’elaborazione del cedolino di gennaio, ma ha lo stesso giorno di esigibilità dello stipendio. Dal mese di febbraio 2016 in poi gli 80,00 euro saranno presenti nel cedolino unico del mese.

Tuttavia, il SAPAF, congiuntamente alla Consulta Sicurezza, ha protestato con il Governo e continuerà a farlo, perché si accelerino i processi per la definizione del Riordino dei ruoli e delle carriere e perché si rendano strutturali gli aumenti che devono essere definiti contrattualmente, mancando un rinnovo contrattuale da ormai troppi anni!

In merito a dichiarazioni e testi messi in giro nei giorni scorsi, che disinformato più che informare, che nessuna riduzione delle quote lorde spettanti contrattualmente per servizi resi (esterno, notturno, festivo, ecc.), subirà riduzione per effetto degli 80,00 euro della legge n.208/2015; così come nessuna riduzione subiranno le altre competenze accessorie.

Le lamentele di alcuni militari (soprattutto nell’Arma dei carabinieri) in tal senso sono prive di fondamento, in quanto il minor importo netto percepito sulla liquidazione di alcune indennità accessori, riscontrata nel mese di gennaio 2016, è dovuto unicamente all’applicazione dell’aliquota massima IRPEF del 38%, per tutti coloro che avrebbero aliquota del 23%; questo per la necessità dell’amministrazione di appartenenza di utilizzare (cautelativamente solo per se stessa) minori importi sul capitolo di bilancio dedicato alla corresponsione del netto in busta. Tale minore netto attribuito, quindi di maggiore IRPEF trattenuta, sarà recuperato da tale personale (con aliquota massima al 23%) in sede dell’annuale conguaglio fiscale.

Vi invitiamo a leggere sull’argomento l’interessante articolo apparso in questi giorni su www.lifestyle.tiscali.it a firma di Luca Marco Comellini.

Sviluppato da Maxsos